Addetto alle produzioni agricole

È aperto il bando per accedere al corso di 110 ore di formazione come addetto alle produzioni agricole: arboree, erbacee ed orto floricole rivolto alla formazione di 15 persone straniere residenti nell’area territoriale di Lamezia Terme.

Il progetto è autorizzato e realizzato con il contributo della Regione Calabria – Dipartimento Tutela della Salute e Servizi Sociali e Socio-Sanitari e si inserisce tra le azioni di PROP Calabria, progetto che ha l’obiettivo di creare un sistema integrato di presa in carico, supporto, gestione, accompagnamento all’inserimento socio-lavorativo e all’autonomia delle persone migranti.

La domanda può essere inviata entro il 18 febbraio a sportello.propcalabria@gmail.com

Nel caso in cui le richieste superino il numero massimo di posti disponibili verrà realizzata una selezione tenendo conto dei seguenti criteri:
– età dei partecipanti (verrà data preferenza ai partecipanti che abbiamo una età superiore)
– livello di comprensione della lingua italiana
– livello di motivazione del partecipante
Colloqui individuali di selezione valuteranno:
la motivazione del partecipante e il livello di comprensione della lingua italiana (con test scritto)
Successivamente verrà stilata una graduatoria che sarà resa pubblica.

scarica la locandina 

PROPCalabria: chi siamo

Il Comune di Miglierina è il proponente del progetto. Si affiancano all’interno del partenariato i Comuni di Falerna e Serrastretta. Il coordinamento del partneriato degli enti no profit è dell’Associazione Comunità Progetto Sud, altri partner sono: la Cooperativa Sociale InRete, la Fondazione Caritas Diocesana di Lamezia Terme, la Cooperativa Sociale Il Delta e l’Associazione Mago Merlino. Fanno parte del partenariato anche la FLAI-CGIL Area vasta Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia e la FAI-CISL Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia, nonché l’Associazione Aprocal.

Incontro tra Le agricole e Coldiretti Calabria

L’ erbaio, sede storica dell’ orto sociale della cooperativa le Agricole, è stato il luogo di incontro tra il presidente regionale di @coldiretti.cosenza Franco Aceto, il direttore Francesco Cosentini e Angela Mungo  con don Giacomo Panizza, presidente della Comunità Progetto Sud e Annamaria Bavaro presidente della Cooperativa le Agricole.

Francesco Cosentini, Franco Aceto, Angela Mungo, Annamaria Bavaro,don Giacomo Panizza, Claudio Venditti

Sui terreni di Via dei Salentini il confronto informale si è concentrato sulla produttività sociale, welfare e opportunità in agricoltura per la Calabria.

“Siamo piccoli ma con le idee chiare e vogliamo guardare ad un futuro produttivo, biologico e che parta anche e con l’ impegno sociale che ci contraddistingue da anni e che faccia ripartire la Calabria” – ha detto @annamaria.bavaro.5.

“Ipotesi di sviluppo e un po di strada da percorrere insieme sono le tesi su cui lavorare e che gettano le basi per nuove collaborazioni” è stata l’idea, declinata in più possibili proposte, dai rappresentanti di #ColdirettiCalabria

 

ADDETTO ALLE PRODUZIONI AGRICOLE. Corso accreditato e riconosciuto dalla Regione Calabria.

La Comunità Progetto Sud in partenariato con il Comune di Lamezia Terme, In Rete, lo Sprar,

bandisce un corso di formazione accreditato e riconosciuto dalla Regione Calabria, come: Addetto alle produzioni agricole.

DESTINATARI: Persone in condizione di svantaggio economico e sociale di età compresa tra 16 e 26 anni.

15 POSTI DISPONIBILI

10 riservati agli interni del soggetto proponente

5 residenti sul territorio Lametino

150 ORE

40 ore di cultura generale 12 ore sicurezza sui posti di lavoro
40 ore di lezioni frontali di agricoltura e orticoltura 20 ore di lezione sui terreni agricoli

30 ore di stage in aziende specializzate
8 ore di prove interne e prova finale

PER INFO RIVOLGERSI A SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: 0968 463266| 348 8857688 | lunarossa@comunitaprogettosud.it

SCARICA LA LOCANDINA

LA LECTIO MAGISTRALIS DI DON GIACOMO PANIZZA PER LA CAMPAGNA “COLTIVIAMO HUMUS”

Dieci realtà collettive agricole – biologiche in tutta Italia e numerose aggregazioni civiche per condividere valori e buone pratiche intorno al cibo, da chi produce a chi consuma. È la Rete Humus, che ha presentato in Calabria, a Lamezia Terme, nei locali di Sala Sintonia della Comunità Progetto Sud, la sua campagna “Coltiviamo humus”.

Annamaria Bavaro

Ad inizio lavori è Annamaria Bavaro, presidente della Cooperativa Le Agricole, che ricorda come l´evento segna «L´opportunità di coltivare in maniera etica e biologica rapporti tra aggregazioni sociali che condividono uguali obiettivi riguardo il rispetto della dignità umana e della natura».

on Giacomo Panizza, Annamaria Bavaro, Maurizio Agostino

Il referente della campagna “Coltiviamo Humus”, Maurizio Agostino ha presentato una realtà attiva da quasi dieci anni in Italia che «Vuole rafforzare una filiera di comunità di produttori-consumatori di biologico, che includa aspetti di sostenibilità ambientale, economica, sociale e di sviluppo locale ».
«In poche parole – dice Agostino – L´obiettivo di questa campagna è far crescere la comunità di Humus grazie al contributo di tutti, per poter offrire alle aziende un supporto tecnico e una guida professionale che orienti il lavoro di queste ultime secondo i valori della rete e dall’altra garantire a tutti i consumatori informazioni concrete, formazione, relazioni e punti di incontro».

Ma è l´Enciclica di Papa Francesco, “Laudato si´” che è stata traccia alla lectio magistralis tenuta da Don Giacomo Panizza a consegnare ai presenti temi di riflessione intorno al rispetto della terra vista come “madre” che ci nutre e “sorella” con la quale si condivide l´esistenza.

Don Giacomo Panizza

“La terra ci precede”, questo il titolo, «Per ricordare a tutti e a tutte – ha detto – che sull’ambiente il pensiero laico e quello religioso possono andare d’accordo, poichè è umanamente ragionevole che la terra vada custodita, rispettata e sempre più convertita in casa comune, come scritto nella “Laudato si’” ». Un appello alla salvaguardia del Pianeta blu, perchè «La terra inquinata e impastata di rifiuti non biodegradabili – dice – rischia di diventare un immenso deposito di immondizia che avvelena il clima, influisce sul riscaldamento, perde foreste e catene alimentari marine, provoca migrazioni di animali, e dunque di popolazioni, come è sotto i nostri occhi. E – conclude regalando una sorta di vademecum riassuntivo a cui fare riferimento – : La terra richiede alle persone e alle culture vigilanza, impegno, educazione e spiritualità, per: puntare su stili di vita consapevoli, esercitarsi al dialogo tra differenti, all’alleanza tra l’umanità e l’ambiente (e non solo col cemento, la plastica, ecc.) e convertirsi alla tenerezza verso tutte le creature, avendo cura di non trascurare l’amore difficile civile e politico e amare il riposo».

L´occasione è stata propizia anche per un buon aperitivo bio, preparato con i prodotti della cooperativa Le Agricole e preparato e servito da Mìscita, il servizio catering nato dalla stessa cooperativa.

Coltiviamo humus, si presenta! Sala sintonia, Lamezia Terme, 6 dicembre.

Sarà presentata in sala Sintonia, il prossimo 6 dicembre alle ore 17.00 la campagna Coltiviamo Humus, per una comunità agro-biologica per la fertilità organica del suolo, la bontà del cibo e l’equità delle relazioni.
Introdurrà i lavori Annamaria Bavaro, presidente della Cooperativa Sociale Le agricole,
a seguire Maurizio Agostino (Rete Humus) terrà un intervento sulla partecipazione di tutti per la sostenibilità e l’equità dell’agricoltura.

“La terra ci precede” (Francesco, Enciclica “Laudato sì”),  sarà la Lectio Magistralis di Don Giacomo Panizza, presidente dell´Asssociazione Comunità Progetto Sud, che segnerà la chiusura della presentazione per procedere,  alle ore 19,00, con un aperitivo a base di prodotti biologici de “Le agricole”, in collaborazione con Mìscita, nuovo marchio del catering frutto della formazione interna della stessa cooperativa.

L’incontro, organizzato a sostegno della campagna di finanziamento collettivo “Coltiviamo Humus!” è promosso da Rete Humus, Banca Etica e Produzioni dal basso.

Per informazioni: Annamaria Bavaro
E mail a.bavaro@c-progettosud.it
Tel.: 3332867248

X