Il mio futuro con le api. Mamun è il nuovo socio della coop Le Agricole

Mamun Matubber ha ben chiaro il suo ruolo di apicoltore esperto, passione che è diventata mestiere. Presente e futuro di un  ragazzo, oggi uomo, arrivato in Calabria dal Bangladesh nel 2018.

Un anno a Settingiano, nel cuore dell’ istmo di Catanzaro, e poi a Lamezia Terme, dove dalla Comunità Luna Rossa è partita la formazione in apicoltura grazie al progetto nazionale BeeMyJob prima e con Aprocal dopo.

All’Erbaio della Comunità Progetto Sud, terreno coltivato grazie all’impegno della cooperativa Le agricole, e attraversato dalle persone che vivono la riabilitazione sociale all’interno degli interventi sociali della Comunità Progetto Sud, Mamun cura  le sue arnie insieme a Foysal, divenuto suo fidato collaboratore.

«Ho imparato a capire cosa fanno e cosa vogliono fare. – Dice Mamun- C’è voluto un po’ di tempo, ma vivere la natura e osservare la vita delle api è una cosa che mi mette pace».

Mentre parla, Mamun sembra incarnare la famosa citazione di Confucio Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita.

«È nella mission educativo-ecologica della Comunità Progetto Sud e de Le Agricole, – dice Nicola Emanuele responsabile di Luna Rossa e di questo progetto legato all’apicoltura- instaurare un rapporto stretto con la terra, la natura, l’essere contadini di valori e proposte sociali, così come l’opportunità di generare lavoro in agricoltura sociale».

WhatsApp Image 2022-11-07 at 11.58.35

È così che hanno preso vita i percorsi di avvicinamento all’agricoltura in termini generici per poi approcciare, anche all’apicoltura. I destinatari della formazione prima e dell’ attività di lavoro dopo è stata rivolta a persone che per condizione di partenza erano socialmente svantaggiate: perché provenienti da storie di migrazione o da altre esperienze di marginalità.

La laboriosità e il fascino della struttura sociale della vita dell’alveare insegnano che le api, non solo sono il primo anello della catena naturale e dalla cui salute dipende la vita di tutti gli esseri viventi,  ma che, come ogni cosa in natura, vive seguendo delle regole ben precise,  tese a raggiungere l’equilibrio sociale  e produttivo.

«Mi piace l’ape regina, il suo stabilire l’ordine, essere un capo che conosce le operaie». – dice timidamente Foysal Matubber.

Oggi possiamo raccontare che, se la Comunità Progetto Sud continua a svolgere l’azione culturale e di impegno ecologico utilizzando l’apiario per le attività formative, educative e di sensibilizzazione con 10 arnie, sull’altro versante la cooperativa sociale “Le Agricole” sta implementando la propria produzione di miele biologico e derivati della laboriosità delle api: propoli e pollini, nonché assolvendo all’inserimento lavorativo di persone che partono da uno svantaggio sociale. L’apiario di Mamun, diventato intanto anche socio della cooperativa Le agricole, conta 77 arnie presso l’erbaio e 70 arnie presso il terreno di S. Pietro Lametino.

Copertina_FB_18.10.2022

Giornata Europea contro la tratta e il grave sfruttamento lavorativo #liberailtuosogno

Il prossimo 18 ottobre  ricorre la XVI Giornata Europea contro la tratta degli esseri umani e il grave sfruttamento lavorativo istituita dall’Unione Europea.
La Comunità Progetto Sud e l’Associazione Mago Merlino, enti attuatori del progetto In.C.I.P.I.T., in preparazione alla giornata saranno presenti, il 17 ottobre, dalle 11 alle 13 in tre classi del quinto anno dell’Istituto di Istruzione Superiore “Carlo Rambaldi” – Polo Tecnologico Industriale ed Artigianale Avanzato di Lamezia Terme.
«L’Organizzazione Internazionale del Lavoro – fanno sapere dall’ Osservatorio interventi tratta – stima che, nel mondo, nel solo 2021, siano oltre 50 milioni le persone vittime di schiavitù moderna coinvolte nel lavoro forzato e nei matrimoni forzati; un trend che negli ultimi cinque anni è aumentato in modo considerevole. Non bisogna dimenticare, tuttavia,  – concludono – come lo sfruttamento riguardi anche altri ambiti quali: prostituzione, accattonaggio, economie criminali forzate e commercio di organi».
VolantinoA5_XVI_Giornata Europea_NVAntitratta_page-0001«Incontreremo gli alunni e le alunne – dicono da Comunità Progetto Sud e Mago Merlino – e con loro svolgeremo attività di sensibilizzazione ed informazione sul tema dello sfruttamento lavorativo e sulla tratta degli esseri umani e le azioni di contrasto messe in campo dal progetto In.C.I.P.I.T. e dagli altri enti che in Italia, da oltre vent’anni, sono impegnati nella protezione delle vittime, soffermandoci con un focus importante sul lavoro svolto dai nostri operatori sul territorio della piana lametina».
 Il Numero Verde Nazionale dell’ osservatorio  ha lanciato, anche quest’anno l’hashtag comune #LIBERAILTUOSOGNO unendo idealmente le diverse iniziative organizzate nei diversi territori, grazie al prezioso lavoro dei Progetti Antitratta italiani.

COME CONTRIBUIRE 

Aiutaci a proteggere i diritti fondamentali delle persone segnalando i casi sospetti di tratta di esseri umani e grave sfruttamento al Numero Verde Antitratta 800 290 290 – 342 7754946 H 24 – 7 giorni su 7

 

WhatsApp Image 2022-10-10 at 12.52.38

Un gruppo di confronto nel nome di Masha Amini  

Quali azioni possibili per essere vicini e vicine alle donne di Teheran?

Operatrici e operatori dell’area migrazioni e di contrasto alla tratta degli esseri umani della Comunità Progetto Sud sono partite da questa domanda per riflettere su libertà e condizione delle donne nel mondo.

Un incontro, in sala Sintonia, nato in autogestione, che ha posto l’accento, in maniera corale, sull’ uccisione di Mahsa Amini, ventidue anni, avvenuta in carcere, arrestata perché non indossava correttamente il velo islamico.

2022_gruppo donne per Amina (3)
«Non si può rimanere indifferenti, non aprire una riflessione di responsabilità sociale a qualsiasi latitudine ci si trovi. È questo quello che ci siamo dette – dicono le donne della Comunità Progetto Sud riunite – e così ci siamo sedute, insieme, donne di diverse nazionalità: italiane, nigeriane, tunisine, georgiane, pakistane, bangla, Guinea Konakri e ci siamo confrontate sul tema della libertà di scegliere chi e cosa voler essere: siamo libere, per esempio, di portare il velo oppure no? di sposarci oppure no? Quanto il genere influisce sulle opportunità e sull’ indipendenza di noi come persone all’interno della società?»

Molti i volti e gli interventi che ha portato ad volontà condivisa e necessaria: «Siamo uscite da questo incontro – fanno sapere – decidendo di rendere stabile questo gruppo politico, di discussione aperta sui temi dell’ uguaglianza e della libertà: un luogo di confronto, di crescita, di tutela e difesa dei diritti fondamentali di ogni persona, in particolare delle donne».

2022_gruppo donne per Amina (4)

Un modo per essere vicine e solidali non solo con le parole, ma con gesti che possono e vogliono rappresentare un nuovo approccio alle politiche di genere che possano segnare un passaggio culturale in un visione di internazionalizzazione e libertà a cui il mondo ci chiama.

 

Scarica il comunicato stampa

GMD2021_page-0001

La terra dei sogni. Global Migrant Day 18 dicembre 2021

L’ appuntamento è quello annuale del Migrants Day: la giornata internazionale dei migranti è infatti una delle occasioni voluta dalle Nazioni Unite come potente strumento di advocacy per educare il pubblico su questioni di interesse, per mobilitare la volontà e le risorse politiche per affrontare i problemi globali e per celebrare e rafforzare le conquiste dell’umanità. 

Nella giornata del 18 Dicembre 2021 il SAI Terre Sorelle di Miglierina, Il SAI Minori Luna Rossa e il SAI adulti Due soli di Lamezia Terme hanno ideato e programmato l’evento dal titolo “La Terra dei Sogni”, in collaborazione con i Comuni di Lamezia Terme e Miglierina, che ospiterà l’ evento negli spazi dell’ anfiteatro comunale, la Comunità Progetto Sud;  la cooperativa sociale INRETE.
“A seguito di due anni che hanno inciso sulle vite di tutti e in particolare sulla vita di comunità è nata l’esigenza di tornare in presenza, tra le persone” – dicono gli organizzatori. –  “Nel rispetto delle normative di contrasto al covid, per ribadire il nostro impegno per un mondo senza discriminazioni e senza confini”.
Il focus del 2021 è la centralità della persona e Il potenziale della mobililtà umana.
Persone come portatori di ricchezza culturale, di aspirazioni, di obiettivi da raggiungere, che trovano in luoghi, lontani dalle loro terre di origine, porti sicuri.
“Nel lavoro di preparazione alla giornata del 18  abbiamo provato a raggiungere un pubblico diverso da quello che abitualmente siamo abituati ad intercettare con i nostri eventi” – dicono ancora gli organizzatori – , “utilizzando il linguaggio moderno dei social, in particolare di Tik Tok, rivolgendoci ad una platea più giovane, coerente con l’età dei nostri beneficiari. Abbiamo così lanciato dieci Tik Tok, il cui filo conduttore è stato l’ assenza di differenze.
L’ESSERE, inteso come l’essere una persona; LO STUDIO, tutti i ragazzi, italiani e stranieri, hanno il diritto all’istruzione; LA PASSIONE, quella del canto, della danza, ognuno di noi deve essere libero di dar voce alle proprie passioni; IL SOGNO: ogni uomo ha un sogno a cui aggrapparsi, un obiettivo, un’aspirazione, un desiderio.

L’evento del 18 dicembre – concludono – sarà il momento di raccordo tra il presente e ciò che intende avere seguito nei mesi a seguire stimolando momenti di riflessione, coinvolgendo il più possibile giovani e adulti che fruiscono il mondo dei social.”

IL PROGRAMMA
In apertura con i saluti da parte del Sindaco di Miglierina e del Responsabile dei Progetti;
Presentazione dei Tik Tok e della riflessione che ha portato alla loro creazione;
Proiezione del video che li racchiude e che termina con il video conclusivo sui sogni che coinvolge beneficiari: operatori e persone delle comunità di riferimento.
Performance teatrale di e con Achille Iera, con la partecipazione dei beneficiari dei diversi progetti ognuno dei quali si cimenterà nella passione e arte che lo caratterizza.
Il momento finale dell’evento prevede un piccolo rinfresco predisposto nel rispetto delle normative anti-covid in vigore.
L’ APPUNTAMENTO: h 17:00, ANFITEATRO COMUNALE DI MIGLIERINA (CZ)

 

Scarica la locandina

copertina_dimore migranti

DIMORE MIGRANTI: Lamezia Terme (CZ), martedì 30 novembre 2021

Diritti, linguaggi, abitare: restituzione pubblica del progetto PropCalabria: Dimore migranti è un doppio evento previsto per martedì 30 novembre: alle 10.30 si svolgerà nell’ auditorium del Liceo Campanella e sarà riservato agli alunni della scuola e, nel pomeriggio, alle 18.30 nella sala grande del Chiostro in piazzetta San Domenico a Lamezia Terme.

Parole chiave che si riempiranno di senso per dare un resoconto pubblico di ciò che è stato il percorso di PROPCalabria, progetto realizzato con il contributo della Regione Calabria Dipartimento lavoro e welfare.

«Abbiamo scelto il linguaggio multidisciplinare delle arti per la restituzione pubblica del progetto: video, danza, disegno, – dice Marina Galati coordinatrice del Progetto PropCalabria– e anche di coinvolgere la classe dell’ indirizzo coreutico del Liceo Tommaso Campanella, grazie alla disponibilità della Dirigente professoressa Susanna Mustari, in un percorso di residenza teatrale per creare un contatto tra la tematica della migrazione, i corpi e le dimore migranti, intese come luogo da abitare ma anche come intimità in cui poter nutrire aspirazioni».

Una residenza teatrale si sta svolgendo in questi giorni, guidata dal duo di artisti DEHORS/AUDELA: Elisa Turco Liveri e Salvatore Insana che, con le studentesse del Liceo Campanella e i referenti interni alla scuola Prof Roberto Tripodi e la professoressa Stefania Greco, stanno vivendo un processo di interiorizzazione e creazione di scenografie, testi e un video-documentario che saranno portati in scena il 30 novembre prossimo.

A disegnare, collegata in remoto Federica Giglio, in arte InBuonaFede, vignettista talentuosa che coglierà attimi di scena trasformandoli in di-segni che diventeranno, anch’essi parte della narrazione di «Dimore migranti».

Agli eventi porteranno un saluto i rappresentanti delle Istituzioni, gli operatori e i beneficiari del progetto PROPCalabria, i referenti di associazioni e cooperative partner.

Informazioni per l’ accesso agli eventi:

Mattino ore 10.30: auditorium Liceo Tommaso Campanella: riservato agli studenti e al personale interno della scuola.

Sera ore 18.30: chiostro Caffè letterario: capienza massima 70 persone, accesso consentito solo con green pass.

IL PROGETTO PROPCalabria

Un progetto nato con l’obiettivo di creare un sistema integrato di presa in carico, supporto, gestione, accompagnamento all’inserimento socio-lavorativo e all’autonomia delle persone migranti.

Capofila del progetto il Comune di Miglierina, partenariato i Comuni di Falerna Serrastretta ,che ha coinvolto nell’ esecuzione delle azioni sul territorio della piana Lametina, la Comunità Progetto Sud per il coordinamento del partenariato in cui sono state messe in campo le competenze della Caritas Diocesana di Lamezia Terme, le cooperative sociali INRETE. Il Delta e l ‘Associazione Mago Merlino. Fanno parte del partenariato anche la FLAI-CGIL Area vasta Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia e la FAI-CISL Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia, nonché l’Associazione Aprocal.

Il progetto ha offerto servizi di supporto/consulenza burocratica legale in materia di immigrazione: orientamento, accompagnamento e supporto socio-sanitario; consulenza etno-psicologica; orientamento al lavoro; supporto alla conclusione di percorsi già avviati di formazione e lavoro; sostegno all’affitto a cittadini di Stati non appartenenti all’Unione Europea e a cittadini neo-comunitari, dimoranti o presenti sul territorio regionale e in regola con le disposizioni sull’ingresso e il soggiorno nel territorio nazionale; a titolari di misure di protezione sussidiaria o umanitaria, presenti o in transito sul territorio regionale, e ai rifugiati; ad apolidi, richiedenti asilo o titolari di altre forme di protezione, dimoranti sul territorio regionale.

Scarica il comunicato stampa

PropCalabria_Faccebook

PropCalabria. Parte il secondo corso di italiano tematico

Partirà il dal 4 ottobre 2021 il “Corso di italiano tematico. Imparare il linguaggio adatto per trovare lavoro” promosso dal Progetto PropCalabria.

La formazione è aperta ad un numero massimo di 12 partecipanti e si terrà ogni lunedì, dalle 18.30 alle 20.30 fino all’ 8 novembre.

Il livello minimo di conoscenza della lingua richiesto ai partecipanti è A2 del quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue approvato dal Consiglio d’Europa.

Per accedere alla selezione inviare domanda a:  sportello.propcalabria@gmail.com entro lunedì 24 settembre 2021 ore 12.  Per maggiori  informazioni è disponibile il numero : +39 389 5354721

Nel caso in cui le richieste superino il numero massimo di posti disponibili verrà realizzata una selezione tenendo conto dei seguenti criteri:

– livello di comprensione della lingua italiana

– livello di motivazione del partecipante

IL PROGETTO

Prop Calabria ha l’obiettivo di creare un sistema integrato di presa in carico, supporto, gestione, accompagnamento all’inserimento socio-lavorativo e all’autonomia delle persone migranti, realizzando anche attività mirate all’emersione del lavoro sfruttato. Il progetto prevede, inoltre, azioni volte alla sensibilizzazione della comunità locale in merito ai fenomeni migratori, nonché alla formazione sulle suddette tematiche rivolta agli operatori della pubblica amministrazione. Tali obiettivi saranno perseguiti attraverso un approccio inclusivo che aspira all’implementazione di reti e di sistemi che siano in grado di mettere in atto adeguati modelli che favoriscano efficaci processi di integrazione socio-lavorativa e culturale e, allo stesso tempo, garantiscano le necessarie tutele delle persone migranti. Prop Calabria è un progetto (Avviso Pubblico della Regione Calabria – Progetto “Accoglienza, Sostegno & Integrazione”) finanziato con fondi afferenti al Piano Regionale per il triennio 2019 – 2021 di cui alla Legge Regionale n. 18/2009 e s.m. (Accoglienza dei richiedenti asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali).

IL PARTENARIATO
Prop Calabria conta su un partenariato variegato. Il Comune di Miglierina è Il proponente del progetto. Si affiancano all’interno del partenariato i Comuni di Falerna e Serrastretta. Il coordinamento del partneriato degli enti no profit è dell’Associazione Comunità Progetto Sud, altri partner sono: la Cooperativa Sociale InRete, la Fondazione Caritas Diocesana di Lamezia Terme, la Cooperativa Sociale Il Delta e l ‘Associazione Mago Merlino. Fanno parte del partenariato anche la FLAI-CGIL Area vasta Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia e la FAI-CISL Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia, nonché l’Associazione Aprocal.

 

img98

Lunarossa tutta una parola. Dieci anni di noi

Tra il 2011 e il 2021 oltre 150 ragazzi hanno cercato e trovato una casa e un futuro.
Stranieri, soli e minorenni, si sono trasformati in adulti corresponsabili attraverso il loro impegno e le opportunità offerte dalla nostra Repubblica italiana.

Lunarossa, tutta una parola: questo il nome con cui nacque il nostro progetto di accoglienza per ragazzini sbarcati da soli sulle nostre coste.
Con il tempo il nome si è diviso in due, seguendo la grammatica.
Ma Lunarossa è nata con il cuore prima che con la mente, ascoltando i racconti di tanti migranti che, nel buio del mare aperto, su un guscio di noce malandato, sballottati dalle onde, vedevano un’unica luce: quella della luna.
Lunarossa, questa è diventata la nuova casa e la nuova famiglia per più di centocinquanta ragazzini che, con il nostro sostegno, continuano a vedere una luce anche nel buio più profondo dei ricordi struggenti e dolorosi di una vita che fu e di un’altra che qui comincia.

Lunarossa è nata il 31 luglio 2011 come risposta agli sbarchi di tanti giovani, prevalentemente maschi, nordafricani durante la Primavera araba.  (Marina Frigerio, redattrice di questo numero di Alogon)

Ne festeggiamo perciò i dieci anni con un numero speciale di Alogon che mette insieme le vite raccontate chi è stato accolto e di chi ha deciso di accogliere.

Le trasformazioni e gli spazi di comunità. Le nostalgie e i futuri possibili costruiti grazie ad una rete che cammina insieme e insieme continua a sviluppare umanità condivisa.

Clicca qui e scarica il nuovo numero di Alogon

Sommario

3. Lunarossa: una luce nel buio. Quante persone possono dire che è stata luna piena la scorsa notte e lo apprezzano? “Sandy Miller”
5.  150 volti,150 sguardi,150 storie. Dieci anni che hanno trasformato la nostra vita
6.  Lunarossa della Comunità Progetto Sud. La Comunità si è continuamente sviluppata diventando un gruppo di gruppi e di reti, di cui anche la Comunità Lunarossa fa parte
7.  Un trampolino verso l’indipendenza. La formazione professionale
8. Sulla luna – Gianni Rodari. La luna appartiene ai sognatori e non ai burocrati, proprio come la Comunità Lunarossa!
9.  Gli arnesi del mestiere. Fare esperienza nelle aziende del territorio
11.  L’accompagnamento che mette radici. Tutela Oltre – Non solo per legge
11.  “Ormai Suleiman è uno di noi”. L’esperienza di Antonella, tutrice
12.  A Lunarossa rinasce la speranza. La forza dell’equipe interdisciplinare
15.  Difendere i diritti costruendo fiducia. La tutela legale a Lunarossa
18.  Da ragazzo accolto a operatore di comunità. Ousman, 25 anni, gambiano
20.  Yussuf costruisce il suo futuro. L’incubo del viaggio, l’approdo a Luna Rossa e i passi in avanti di un ventenne gambiano
23.  Volevo studiare ma c’era la guerra. Hussain, 16 anni, pakistano
25.  Nati e nate sotto lo stesso cielo
25.  Io vi chiedo protezione e aiuto. Karim, 16 anni, egiziano
27.  Creare ponti per crescere insieme. L’animazione socioculturale e ricreativa a Lunarossa
29.  Momenti di vita quotidiana. Dal diario di Lunarossa
32.  Per vincere, dobbiamo funzionare. come gruppo Cosa ci insegna il gioco del pallone
33.  Nella cucina di Lunarossa. Il Mafè senegalese
34.  Il Pane Tapalapa (Senegal, Gambia e Guinea)
35.  Racconto di un viaggio a …
36. Io immagino un mondo pieno di ragazzine e ragazzini vivi e felici
38. Organigramma del servizio
38.  Auguri Lunarossa! Vecchi e nuovi ragazzi augurano un vivo presente e un felice futuro
39. 10 cose da sapere sul fenomeno dei rifugiati nel mondo

seminari copertina sito

I seminari formativi del Progetto PropCalabria. Crediti riconosciuti dagli ordini forensi

Doppio appuntamento con la formazione accreditata il 5 e 8 luglio 2021
Nell’ ambito del Progetto Prop Calabria – Avviso Pubblico della Regione Calabria, Progetto “Accoglienza, Sostegno & Integrazione”, Ente capofila Comune Di Miglierina
Le Attività formative sono accreditate presso l’ Ordine Distrettuale degli Avvocati di Catanzaro e i seminari sono rivolti ad avvocati e a consulenti/operatori legali e la partecipazione è gratuita .
Sono riconosciuti n.3 crediti a seminario che si svolgeranno interamente in modalità remoto.
Per iscriversi al seminario di Lunedì 05 luglio 2021
dalle 16:30 alle 19:30
Diritto del lavoro e migranti: quali diritti e tutele?
link di iscrizione:
Per iscriversi al seminario di Giovedì 08 luglio 2021
dalle 16:30 alle 19:30
La protezione internazionale e la protezione speciale alla luce del DL130/2020
link di iscrizione:
Per info: Per info: sportello.propcalabria@gmail.com
Rosanna Liotti: 3201983281
IMG_20210108_104440

Lavora con noi

POSIZIONE DI LAVORO APERTA:
Lavoro a tempo determinato
Ricerca personale n°1 Educatore
settore migrazioni: contrasto alla tratta degli esseri umani

età compresa tra i 25 e i 40 anni
almeno tre anni di esperienza nel campo dell’accoglienza immigrati
Conoscenza lingua inglese livello B2

Invia il tuo CV entro il 18.01.2021

compilando il form a questo link

Lavora con noi


settore: migrazioni

natale ip ip imm copertina

Apri la porta c’è un regalo per te! Il porta a porta di IP IP Urrà

Continuano le azioni di sostegno alle famiglie e di contrasto alla povertà educativa del gruppo di lavoro della Comunità Progetto Sud grazie al progetto nazionale IP IP Urrà, iniziato nel settembre 2020.

Covid-19 e distanziamento sociale  sembrano essere fortemente in contrasto con i gesti di prossimità ma in questi mesi difficili, di inizio progetto, ha trovato spazio la possibilità di costruire e rafforzare relazioni educative finalizzate a non disperdere il senso di comunità.

Con le festività di fine anno che si avvicinano abbiamo deciso di attivare il percorso educativo della scatola dei giochi e mercoledì 23 dicembre dalle ore 15 busseremo alle porte, nel quartiere Bella di Lamezia Terme, per portare un regalo alle famiglie con figli tra i 3 e i 6 anni beneficiarie del progetto. “Apri la porta. C’è un regalo per te”, questo lo slogan dell’ iniziativa, è un gesto di fiducia che alimenta la relazione e instaura reti di opportunità e inclusione sociale.

«Siamo partiti con la programmazione ad inizio settembre e subito abbiamo pensato ad un incontro, avvenuto nel quartiere Bella della città. Dall’ uscio delle case alla piazza per ascoltare ed elaborare un’analisi dei nuovi bisogni.  – Dice la coordinatrice territoriale del progetto Maria Elena Godino – Adottate le giuste precauzioni e dispositivi di sicurezza ci siamo trovati con mamme e bambini, ci siamo parlati e abbiamo proposto di attivare una rete di contatto multimediale per poter iniziare gli incontri virtuali. Un modo nuovo per relazionarci, ma necessario per garantire la vicinanza» – chiosa Maria Elena Godino-.

In novembre, grazie alla rete solidale imbastita con il progetto APPTraverso la Calabria sono stati consegnati sei tablet in comodato d’ uso gratuito, per favorire la Didattica a distanza dei bambini e le bambine e il prossimo 23 dicembre con la consegna dei regali porta a porta riprende il processo di educativo della scatola dei giochi che porta in se i semi di una comunità che cresce insieme.

Una fine anno che sa di nuovo inizio!

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org

il Dispaccio

Il Corriere della Calabria

Il Lametino

Lameziainforma

CN24

TgR Calabria edizione del giorno ore 14 del 24.12.2020