offerta di lavoro CPS_copertina sito

Offerta di lavoro – scade il 30 settembre

La Comunità Progetto Sud ricerca 4 figure professionali da inserire nell’ organico della
 
-Operatore notturno;
– OSS;
– Educatore Professionale (DM 520/98 – GU del 28/04/99);
– Assistente sociale
 
Per tutte le professionalità sono richieste:
– buone capacità relazionali;
– competenze informatiche;
– conoscenza della lingua inglese, livello  B1
 
Nello specifico, per l’Educatore Professionale e per l’Assistente sociale sono richieste inoltre:
– competenze nello sviluppo di progetti individualizzati;
– competenze tecnico-professionali;
– capacità di animazione;
– capacità di gestione delle dinamiche educative individuali e di gruppo
Sede di lavoro: Lamezia Terme (CZ)
I CV dovranno essere inviati entro e non oltre il 30 settembre 2022
esclusivamente compilando il modulo al seguente link:
inserendo nel campo a tendina ti proponi per il seguente settore*: area dipendenze e azzardopatie
PER INFO: Lunedì e mercoledì dalle 9 alle 11 –  Roberto Gatto: 3487913801
dal web

Per una sanità partecipata

Mercoledì 20 luglio ore 18 | Oasi Bartolomea | Via del Progresso, 472 | Lamezia Terme

Per un sanità partecipata è l’incontro organizzato da Comunità Progetto Sud in collaborazione con Comunità Competente, che si terrà il prossimo 20 luglio, a Lamezia Terme nei giardini dell’ Oasi Bartolomea, ed è anche il titolo del volume curato da Rubens Curia, portavoce regionale di Comunità Competente e edito da Città del Sole Edizioni.

Una riflessione sulle risposte, se ci sono state, alle molte domande che l’ autore si era già posto con la pubblicazione del “Manuale per una riforma della sanità in Calabria” ed ai nuovi interrogativi che la SARS COV 2 ha posto al Servizio Sanitario Nazionale e Regionale.

Un dialogo a più voci a cui prenderanno parte:

Marina GALATI, Presidente CNCA  Calabria;

Rubens CURIA, Portavoce Regionale Comunità Competente;

Ernesto ESPOSITO, Sub commissario regionale alla

 È previsto un tempo per interventi e domande dal pubblico e dei giornalisti presenti

Panizza_MEAN

Lamezia Terme Piazza di Pace

In collegamento da KIEV con don Giacomo Panizza e gli attivisti del Movimento europeo di azione non violenta (Meanin marcia per la Pace. Domenica 10 giugno ore 19 | Sala Sintonia | Via Reillo, 5

Una marcia per la Pace, per il “cessate il fuoco” che porterà a Kiev, il 10 e l’ 11 luglio gli attivisti del Movimento europeo di azione non violenta (Mean): 35 associazioni sparse sul territorio nazionale lavorano da tempo per il dialogo, con azioni distensive e di aiuto per richiamare un impegno alla pace che può nascere dal basso.

Anche la Calabria che costruisce azioni pace c’è, e cammina verso Kiev sulle gambe di Don Giacomo Panizza, fondatore della Comunità Progetto Sud.

Per essere partecipi di questo viaggio, Lamezia Terme sarà una delle venti Piazze di Pace italiane e alle 19 di domenica 10 luglio si collegherà, in remoto, da Sala Sintonia in Via Reillo, con gli attivisti nonviolenti del MEAN in Ucraina e con le altre città che sostengono la manifestazione pacifista.

«Abbiamo deciso di esserci a mani disarmate, nelle zone di guerra e di rischi continui. – Dice don Giacomo Panizza nel suo messaggio di adesione -. «Esserci con un movimento nonviolento che ha tanto da dire e ancor più da scambiare». E ancora – «Abbiamo bisogno di renderci conto della giustezza di smettere con le guerre e con armamenti che uccidono o silenzi che lasciano morire. La pace vera non fuoriesce dalle guerre, ma esiste dentro cuori e intelletti affamati di ambizioni e politiche davvero umanizzanti».

2022Mean_LT piazza di pace
Sulle giornate sono stati forniti pochi dettagli, per ragioni di sicurezza, ma sono previsti «incontri tra le due società civili – spiega Angelo Moretti, presidente Presidente della rete di Economia Civile Consorzio Sale della Terra di Benevento e portavoce di Mean – che discuteranno assieme di pace, ma anche delle possibili strategie per tutelare la cultura ucraina, per difendere i bambini, per coinvolgere l’opinione pubblica nei negoziati. Il tutto in collegamento con 20 piazze italiane. Un confronto che produrrà dei documenti in cui delineare le iniziative da mettere in campo e al quale parteciperanno anche autorità locali e il nunzio apostolico in Ucraina».

Si stanno organizzando collegamenti da Napoli, Milano, Roma, Trento, Bolzano, Brescia, Benevento, Lamezia Terme, Aversa, Marigliano, Pomigliano d’Arco, Manfredonia, Battipaglia, Bergamo, Casagiove e addirittura da Londra! La lista è in aggiornamento

Chi vorrà aderire alla piazza di Pace di Lamezia potrà raggiungere Sala Sintonia dalle 18.45

Scarica qui il decalogo di pace del MEAN

mean

DOMENICA 10 LUGLIO ARRIVANO IN TUTTA ITALIA LE PIAZZE DI PACE, IN COLLEGAMENTO CON IL MEAN A KIEV

Il 10 luglio, dalle ore 19, in molte piazze d’Italia si terrà un momento di festa e scambio in collegamento con gli attivisti nonviolenti a Kiev. Grazie all’impegno di tante associazioni e parrocchie sui territori, infatti, piu di 10 cittá si popoleranno di per la Nonviolenza Attiva.
Il momento (ore 20 in Ucraina), prevedrà uno scambio festoso di canti, poesie, pezzi teatrali, per far arrivare forte e chiara la solidarietà degli europei non solo attraverso i governi, con le armi o le sanzioni, ma con un vero legame civile ed umano tra popoli, in nome della nonviolenza attiva. Tutti uniti dallo stesso destino di appartenenza all’Europa, di cui sia l’Ucraina che la cultura russa fanno parte.
Al primo posto per numero di Piazze di pace ospitate c’é la Campania. A Pomigliano D’Arco (Napoli) nella parrocchia di San Felice in Pincis, (via Felice Cavallotti, 2), si riuniranno gruppi di volontari Caritas, associazioni del territorio e una rappresentanza numerosa della comunità ucraina. Durante la festa in diretta con Kiev, ci saranno canti, poesie e invocazioni per la pace. La comunità ucraina sarà presentata da padre Vasil, sacerdote ortodosso. Per informazioni: don Giuseppe Gambardella
(peppinogambardella@gmail.com).
A Napoli invece l’evento si terrà coinvolgendo la cittadinanza e istituzioni municipali, a Largo San Martino, nel quartiere Vomero-Arenella. Per informazioni: Tina Rubino (trubino55@gmail.com).
Sempre in provincia di Napoli, a Marigliano, eccezionalmente per questa piazza l’11 luglio sera, circa 250 ragazzi e giovani dell’oratorio estivo si collegheranno con gli attivisti nonviolenti in Ucraina da piazza Municipio, insieme con il sindaco, il Consiglio comunale e il vescovo. Per informazioni: Fedele Salvatore (fedelesalvatore@irene95.it).
In provincia di Caserta, a Casagiove, mille persone domenica si ritroveranno alle 20 nella parrocchia di San Michele Arcangelo (Via Filippo Iovara, 107), per collegarsi con Kiev alla fine di un momento di preghiera per la pace. Per informazioni: don Stefano Giaquinto (donstefanogiaquinto@virgilio.it).
Mentre a Benevento l’appuntamento sarà alle 19 in piazza Carlo Torre, davanti alla Basilica di S. Bartolomeo. Parteciperanno alla manifestazione molte associazioni e organizzazioni del territorio, tra cui “Consorzio Sale della terra”, Azione Cattolica diocesana, Laboratorio per la felicità pubblica, Libera, Cgil e Anpi. Per informazioni: Ettore Rossi (ettor.rossi@gmail.com).
A Roma domenica sera gli attivisti nonviolenti si raduneranno alle 19 nel cortile nella scuola Daniele Manin (plesso “Di Donato”, in via Bixio, 85), istituto simbolo di accoglienza e di pace. Dopo un rinfresco di benvenuto, ci sarà spazio per un confronto tra i partecipanti, prima di collegarsi con le altre piazze e con Kiev. Per informazioni: Gianluca Cantisani (gianlucacantisani1@gmail.com).
Milano sarà presente con due piazze: una sarà al Centro di Accoglienza Profughi Ucraini Don Orione, nella parrocchia di San Benedetto (Oratorio Don Orione, via Strozzi 1) e l’altra al Centro di accoglienza per mamme e bambini ucraini, Casa della Carità (via Pusiano 22). Per la prima piazza l’appuntamento sarà alle ore 18, e prima del collegamento Milano-Kiev, ci saranno le testimonianze di volontari e rifugiati. Prima della conclusione ci sarà anche tempo per un rinfresco e un momento di confronto finale. Per informazioni: Clelia Lucenti (clelialucenti@gmail.com).
Nella seconda piazza, l’appuntamento é per domenica alle 19, e saranno presenti volontari, ospiti ucraini, e don Virginio Colmegna, presidente Casa della Carità Milano. Per informazioni: Andrea Donegá (andrea.donega@icloud.com).
La bellezza della nonviolenza é che non conosce confini. Infatti domenica, in collegamento con Kiev, ci sarà anche Londra, con la chiesa cattolica italiana di St. Peter, (136 Clerkenwell Rd, London EC1R 5DL). L’appuntamento sarà alle 18.
Per informazioni: Rosa Lorini (mariarosalorini@gmail.com) e Lidia Guerra (lidia.guerra@hotmail.com).
Altre piazze sono in attesa di conferma.
MEAN, Movimento Europeo di Azione Nonviolenta
———————————————————-
Stiamo raccontando il viaggio sui nostri profili social:
Facebook: MEAN Movimento Europeo Azione Nonviolenta @meanprogetto
Twitter: MEAN – Movimento Europeo Azione Nonviolenta (@MeanAzione)
Instagram:@mean.project
Premiazione_Panizza_Florio

Uniti per la legalità. Il premio nazionale dei giovani commercialisti alla Comunità Progetto Sud

IL PREMIO DELL’UNIONE NAZIONALE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI (UNGDCEC), PER LA GESTIONE VIRTUOSA DEL PRIMO BENE CONFISCATO ALLE COSCHE DELLA CITTÀ DI LAMEZIA TERME

Nella Tenuta Agricola Suvignano, tra le colline senesi, a Monteroni d’Arbia, in un binomio tra legalità e libertà, in uno dei più grandi beni confiscati del centro nord dell’ Italia, si è svolta la seconda edizione di “Uniti per la Legalità”, evento nazionale dei giovani commercialisti, di cui è presidente Matteo De Lise.

Una giornata in cui momenti formativi e di testimonianza si sono alternati ad interventi istituzionali di riflessione sull’utilità della normativa antimafia e, più in generale, sulla prevenzione e contrasto all’illecita accumulazione della ricchezza.

IMG-20220707-WA0005

Numerose le presenze qualificate provenienti dal mondo delle professioni, dell’autorità giudiziaria, delle Prefetture e della società civile.

«A 26 anni dalla legge sui beni confiscati, – dichiara Paolo Florio, tesoriere della Fondazione Centro Studi UNGDCEC – è giunto il momento che anche la fase di destinazione e riutilizzo dei beni possa funzionare in modo efficiente». «Dopo i sequestri e le confische definitive è la parte finale della destinazione, oggi, quella più importante, che dobbiamo impegnarci a far funzionare».

«La Comunità Progetto Sud, – conclude Florio – fondata da Don Giacomo Panizza, è un esempio virtuoso di come, uniti e insieme per la legalità, stimolando la partecipazione della società civile, è possibile il cambiamento, grazie ai numerosi progetti conclusi per la collettività».

Florio_Panizza_Rotella
Florio_Panizza_Spaccarotella

«Era il 2001 quando abbiamo deciso tutti insieme, noi della Comunità, con alle spalle già 25 anni di attività sociale, di aprire una strada nuova e anche innovativa per per tutti e tutte, prendendo in gestione il primo bene confiscato della città» – dice Don Giacomo Panizza, presente a Monteroni d’Arbia per portare la sua testimonianza e ritirare il Premio Uniti per la legalità. «Pensieri e Parole è oggi, come lo avevamo sognato, una realtà lavorativa, sociale, culturale e politica in cui fare abitare legalità e giustizia». «Un condominio sociale, – conclude don Panizza-  sostenibile, perché autoproduce il fabbisogno energetico grazie ai pannelli solari di cui è dotato, un luogo che è un passaggio di vita perché intreccia generazioni, costruisce servizi e parla le lingue del mondo».

logo

#Maipiustragi una grande risposta del mondo dell’ associazionismo

Crescono le adesioni alla manifestazione nazionale contro la ‘ndrangheta e a sostegno del procuratore Nicola Gratteri e di tutti coloro che rischiano la vita a causa delle mafie.

Con il passare dei giorni e con l’ avvicinarsi dell’ appuntamento, sono diventate più di ottanta le sigle che scenderanno in Piazza, e arrivano del mondo dell’ associazionismo cattolico e civico, del Terzo settore, dei Sindacati e dalle personalità del mondo della cooperazione, del sindacato, dell’economia, della filantropia, del volontariato, del giornalismo e dello spettacolo.

In tanti saremo in piazza Duca d’Aosta martedì 5 luglio dalle 19, dove si alterneranno interventi e testimonianze per ribadire con forza quel #Maipiùstragi che è diventato già il mood di una mobilitazione social  a cui hanno aderito con video messaggi di supporto alla manifestazione: PIF, Marco Paolini, Albano, Michele Placido, Luca Zingaretti, Giovanni Minoli, Maurizio De Giovanni, Angela Iantosca, Padre Maurizio Patriciello, Antonio Stornaiolo, Rita Pelusio, Gianluigi Nuzzi.

A Milano, per ricordare che la ‘ndrangheta è un problema nazionale. A Milano, per ribadire che le infiltrazioni criminali nell’ economia legale sono un’emergenza per la tenuta della democrazia.

«La scoperta di un progetto di attentato nei confronti del Procuratore della DDA di Catanzaro, a inizio maggio, ci ha spinto ad agire – sottolineano i rappresentanti degli enti promotori – Trent’anni dopo le stragi di Palermo – continuano – abbiamo sentito l’esigenza di scendere in piazza il giorno prima, come scorta civica, per dire alla ‘ndrangheta e alle massonerie deviate che quella stagione è finita, fa parte di altri tempi, e che l’Italia non tollererà che qualcuno la evochi di nuovo. Diversamente, la risposta della società civile sarà durissima».

Elenco adesioni al 29 giugno 2022:

ACLI – ActionAid – Comitato Addiopizzo – Addiopizzo Travel – Agapanto APS Roma – Agesci- AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile) – Altromercato – APS Parità per le Diversità – Arci Servizio Civile Calabria – Associazione Amici Della Casa Della Carità – Associazione Andiamo Avanti – ANPI – Assifero – Auser Regionale Lombardia – Auser Milano – Avvocati senza Frontiere – Azione Cattolica – CCO – Crisi Come Opportunità – Caritas Italiana – Caritas Ambrosiana – Caritas Emilia Romagna – Casa Internazionale delle Donne – Centro per l’Autonomia Cooperativa Sociale – Centro Studi Rossanese “Vittorio Bachelet”- CGIL Calabria – CGIL Lombardia – Chico Mendes Altromercato cooperativa sociale – CIES-Onlus – CISL Calabria – CISL Lombardia – CNCA Lombardia – CNCA Nazionale – Collectif Avanti – Comunità Competente Calabria – Comunità Progetto Sud – Confcooperative Federsolidarietà – Confcooperative Reggio Emilia – Comitato don Peppe Diana – Consorzio Sir – Consorzio Cooperativo Nausicaa – Consulta Nazionale Antiusura Giovanni Paolo II – Centro Sportivo Italiano Milano – SV.net – E.V.A. Cooperativa Sociale – FICT (Federazione Italiana Comunità Terapeutiche) – FOCSIV – Fondazione Finanza Etica- Fondazione Con Il Sud – Fondazione Corte delle madri – Fondazione San Bernardino – Forum del Terzo Settore nazionale – Forum Terzo Settore Calabria – Forum Terzo Settore Città Di Milano – GOEL Gruppo Cooperativo – Human Foundation – Ideeinformazione – Il Mulino – Associazione Il Quinto Ampliamento – Italia che Cambia – JSN JESUIT SOCIAL NETWORK ITALIA Onlus – Cooperativa sociale “La Speranza” Cassina e S. Agata – Laboratorio Ricerche & Studi Vesuviano – Legambiente – Libera Milano Contro Le Mafie – Associazione culturale L’Orablù – Made in Carcere – M.A.S.C.I – Associazione Microfinanza e Sviluppo Onlus – Movimento Agende Rosse – Movimento M24A Equità Territoriale – Onlus Movimento per la Giustizia Robin Hood – Next Nuova Economia per Tutti – Nuova Cooperazione Organizzata NCO – Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Calabria – Associazione Peppino Impastato e Adriana Castelli – PLEF – Progetto Policoro Calabria – Rete Antimafie Martesana APS – Rete Recovery Sud -Cooperativa Sociale Ripari – RITMI – Rete Italiana di Microfinanza – Rock No War – Scuola di Formazione Antonino Caponnetto – Slow Food Italia – Sud 20/40 – Terra Dea di San Giorgio a Cremano – T-ERRE Turismo Responsabile – Associazione Un’altra storia Varese – Unicobas – Comitato #versoil23maggio – WikiMafia Libera Enciclopedia sulle mafie

Con la collaborazione di:

Altavia.disko – Gruppo Grandi Eventi – Gruppo Pubbliemme – LaC Network

#maipiùstragi #maipiùsoli #iostocongratteri #stopndrangheta #accendilaluce

maipiustragi.it

maipiustragi_2

Mai più stragi mai più soli: crescono le adesioni alla manifestazione del 5 luglio a Milano

Crescono le sigle nazionali e regionali a sostegno della manifestazione del prossimo 5 luglio a Milano.

Un movimento di popolo e del terzo settore che continua a crescere con l’ avvicinarsi della data in cui Piazza Duca d’Aosta, a Milano, sarà invasa da una scorta civica a sostegno del Procuratore Gratteri, destinatario di nuove minacce alla sua vita.

Le adesioni ad oggi, 25 giugno, a 10 giorni dall’iniziativa sono 79 e anche i primi testimonial stanno rilanciando sui social video a sostegno della manifestazione.

ACLI – ActionAid – Addiopizzo Travel – Agapanto APS Roma – Agesci- AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile) – Altromercato – Arci Servizio Civile Calabria – Associazione Amici Della Casa Della Carità – Associazione Andiamo Avanti – ANPI – Assifero – Azione Cattolica – CCO – Crisi Come Opportunità – Caritas Italiana – Caritas Ambrosiana – Casa Internazionale delle Donne – Centro per l’Autonomia Cooperativa Sociale – Centro Studi Rossanese “Vittorio Bachelet”- CGIL Calabria – CGIL Lombardia – CIES-Onlus – CISL Calabria – CISL Lombardia – CNCA Lombardia – CNCA Nazionale – Collectif Avanti – Comitato Addiopizzo – Comitato #versoil23maggio – Comitato don Peppe Diana – Comunità Competente Calabria – Comunità Progetto Sud – Confcooperative Federsolidarietà – Confcooperative Reggio Emilia – Consorzio Sir – Consorzio Cooperativo Nausicaa – Consulta Nazionale Antiusura Giovanni Paolo II – Cooperativa sociale “La Speranza” Cassina e S. Agata – E.V.A. Cooperativa Sociale – FICT (Federazione Italiana Comunità Terapeutiche) – Fondazione Finanza Etica- Fondazione Con Il Sud – Fondazione Corte delle madri – Fondazione San Bernardino – Forum Terzo Settore nazionale – Forum Terzo Settore Calabria – Forum Terzo Settore Città Di Milano – Gaiaitalia puntocom edizioni – GOEL Gruppo Cooperativo – Human Foundation – Ideeinformazione – Associazione Il Quinto Ampliamento – Italia che Cambia – JSN – JESUIT SOCIAL NETWORK ITALIA Onlus – Laboratorio Ricerche & Studi Vesuviano – Legambiente – Libera Milano Contro Le Mafie – Movimento Agende Rosse – Movimento M24A Equità Territoriale – Next Nuova Economia per Tutti – Nuova Cooperazione Organizzata – NCO – Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Calabria – Associazione Peppino Impastato e Adriana Castelli – PLEF – Progetto Policoro Calabria – Rete Antimafie Martesana APS – Rete Recovery Sud – Scuola di Formazione Antonino Caponnetto – Slow Food Italia – Sud 20/40 – Terra Dea di San Giorgio a Cremano – UIL Nazionale – Associazione Un’altra storia Varese – Unicobas – WikiMafia Libera Enciclopedia sulle mafie

facebook: @cpslamezia

instagram: @cpslamezia

Per aderire scrivi a: maipiustragi@goel.coop

Visita la pagina: https://www.goel.coop/maipiustragi

I nostri hashtag:  #maipiustragi #maipiusoli #accendilaluce #iostocongratteri #stopndrangheta

download

Mai più stragi, mai più soli: scendiamo in piazza come scorta civica 5 luglio, ore 19, piazza Duca d’Aosta (davanti Stazione Centrale), Milano

In piazza, insieme, perché nessuno sia più solo: martedì 5 luglio alle ore 19 davanti alla Stazione Centrale di Milano manifesteremo a sostegno del procuratore Nicola Gratteri e di tutti i cittadini che rischiano la vita contro le mafie.

A inizio maggio è stato scoperto il progetto di un attentato nei confronti del Procuratore della DDA di Catanzaro. Una nuova minaccia alla vita del magistrato impegnato in prima linea contro la ‘ndrangheta.

Trent’anni dopo le stragi di Palermo, è necessario ribadire che la lotta alle mafie ci riguarda tutti e che chi combatte la criminalità organizzata non è da solo: non vogliamo altri martiri da commemorare il giorno dopo ma scendere in campo prima, per impedire l’irreparabile.

Vogliamo sostenere Gratteri, i magistrati e le forze dell’ordine che svolgendo il proprio lavoro ci difendono dalla violenza mafiosa. Vogliamo sostenere la democrazia, messa a rischio dalle azioni criminose delle mafie. Vogliamo mettere sotto i riflettori dell’opinione pubblica il grave e pericoloso processo di infiltrazione della ‘ndrangheta in atto in tutta Italia.

Il flashmob del 23 maggio scorso in piazza S. Apostoli a Roma è stato il primo passo: sono sempre di più le associazioni e i cittadini che stanno facendo rete per ritrovarsi il 5 luglio a Milano.

Adesioni al 9 giugno 2022:

ACLI – ActionAid – Addiopizzo Travel – Agapanto APS Roma – AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile) – Arci Servizio Civile Calabria – Assifero- Associazione Andiamo Avanti – Casa Internazionale delle Donne – CCO – Crisi Come Opportunità – Centro per l’Autonomia Cooperativa Sociale -CGIL Calabria – CIES-Onlus -CISL Calabria – CNCA Calabria – Comitato Addiopizzo – Comitato don Peppe Diana – Comunità Progetto Sud – Consorzio Cooperativo Nausicaa -Consulta Nazionale Antiusura Giovanni Paolo II -E.V.A. Cooperativa Sociale – Federsolidarietà – Confcooperative – FICT (Federazione Italiana Comunità Terapeutiche) – Fondazione Corte delle madri – Fondazione San Bernardino – Forum Terzo Settore Calabria – Gaiaitalia puntocom edizioni – GOEL – Gruppo Cooperativo – Human Foundation – Legambiente – Movimento M24A Equità Territoriale – Next Nuova Economia per Tutti – Nuova Cooperazione Organizzata – NCO – Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Calabria – Progetto Policoro Calabria – Rete Recovery Sud – Associazione Il Quinto Ampliamento – Slow Food Italia – Studio Panzarani- Terra Dea di San Giorgio a Cremano – comitato #versoil23maggio – Centro Studi Rossanese "Vittorio Bachelet" – Unicobas

#maipiùstragi #maipiùsoli #iostocongratteri

immagine in evidenza: Nicola Gratteri, foto dal web
gratteri

Mai più stragi, mai più soli: scendiamo in piazza come scorta civica 5 luglio, ore 19, piazza Duca d’Aosta (davanti Stazione Centrale), Milano

In piazza, insieme, perché nessuno sia più solo: martedì 5 luglio alle ore 19 davanti alla Stazione Centrale di Milano manifesteremo a sostegno del procuratore Nicola Gratteri e di tutti i cittadini che rischiano la vita contro le mafie.

A inizio maggio è stato scoperto il progetto di un attentato nei confronti del Procuratore della DDA di Catanzaro. Una nuova minaccia alla vita del magistrato impegnato in prima linea contro la ‘ndrangheta.

Trent’anni dopo le stragi di Palermo, è necessario ribadire che la lotta alle mafie ci riguarda tutti e che chi combatte la criminalità organizzata non è da solo: non vogliamo altri martiri da commemorare il giorno dopo ma scendere in campo prima, per impedire l’irreparabile.

Vogliamo sostenere Gratteri, i magistrati e le forze dell’ordine che svolgendo il proprio lavoro ci difendono dalla violenza mafiosa. Vogliamo sostenere la democrazia, messa a rischio dalle azioni criminose delle mafie. Vogliamo mettere sotto i riflettori dell’opinione pubblica il grave e pericoloso processo di infiltrazione della ‘ndrangheta in atto in tutta Italia.

Il flashmob del 23 maggio scorso in piazza S. Apostoli a Roma è stato il primo passo: sono sempre di più le associazioni e i cittadini che stanno facendo rete per ritrovarsi il 5 luglio a Milano.

Adesioni al 9 giugno 2022:

ACLI – ActionAid – Addiopizzo Travel – Agapanto APS Roma – AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile) – Arci Servizio Civile Calabria – Assifero- Associazione Andiamo Avanti – Casa Internazionale delle Donne – CCO – Crisi Come Opportunità – Centro per l’Autonomia Cooperativa Sociale -CGIL Calabria – CIES-Onlus -CISL Calabria – CNCA Calabria – Comitato Addiopizzo – Comitato don Peppe Diana – Comunità Progetto Sud – Consorzio Cooperativo Nausicaa -Consulta Nazionale Antiusura Giovanni Paolo II -E.V.A. Cooperativa Sociale – Federsolidarietà – Confcooperative – FICT (Federazione Italiana Comunità Terapeutiche) – Fondazione Corte delle madri – Fondazione San Bernardino – Forum Terzo Settore Calabria – Gaiaitalia puntocom edizioni – GOEL – Gruppo Cooperativo – Human Foundation – Legambiente – Movimento M24A Equità Territoriale – Next Nuova Economia per Tutti – Nuova Cooperazione Organizzata – NCO – Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Calabria – Progetto Policoro Calabria – Rete Recovery Sud – Associazione Il Quinto Ampliamento – Slow Food Italia – Studio Panzarani- Terra Dea di San Giorgio a Cremano – comitato #versoil23maggio – Centro Studi Rossanese "Vittorio Bachelet" – Unicobas

#maipiùstragi #maipiùsoli #iostocongratteri

immagine in evidenza: Nicola Gratteri, foto dal web
mean

11 luglio la marcia di MEAN

Manifestazione per un cessate il fuoco immediato e l’apertura di negoziati di pace

GIOVEDÌ 2 GIUGNO ORE 19:00-21.30 ONLINE la PRESENTAZIONE ONLINE DEL MEAN E DELLA MARCIA DELL’11 LUGLIO 2022 HTTPS://FB.ME/E/4P9O608HE

Evento online di presentazione del MEAN e della manifestazione che abbiamo programmato per l’11 luglio 2022 in Ucraina, dopo diversi incontri e colloqui anche con le associazioni della società civile ucraina.
Il nostro scopo immediato è quello di fare appello innanzitutto ai leader europei affinché si mobilitino in modo deciso e creativo per attuare un immediato cessate il fuoco e per avviare incontri e negoziati, avendo in mente la costruzione di un sistema di coesistenza pacifica tra i popoli del mondo, in cui anche la società civile abbia parola e ascolto.
All’evento, organizzato da Piernicola Pedicini, Membro del Parlamento europeo, parteciperanno associazioni ed istituzioni italiane ed europee, in collaborazione con il Gruppo dei Verdi/Ale.
Le relazioni sono affidate a:
– Piernicola PEDICINI, Eurodeputato;
– Angelo MORETTI, Spokesman del MEANproject
– Stefano FASSINA, Deputato ed Economista
– Franco FRACASSI, Scrittore e giornalista
– Pierfrancesco MAJORINO, Eurodeputato
– Barbara LEZZI, Senatrice
– Rosa D’AMATO, Eurodeputata
– Maria MUSCARA’, Membro Consiglio regionale Campania
– Marianella SCLAVI, Antropologa ed Etnografa, Attivista Fondazione Langer
– Riccardo BONACINA, Fondatore di Vita non profit
– Maria Grazia GUIDA, Presidente Associazione Nazionale “Reti della Carità”

Il sito per ogni informazione e iscrizione al MEAN è www.projectmean.it
Informazioni possono essere chieste a info@projectmean.it

X